INFORMAZIONI UTILI

Guida semplificata al ritiro e smaltimento dei rifiuti da pirotecnici

AIUTO

A) Il detentore (utilizzatore finale) può conferire, restituendoli al punto vendita al momento dell’acquisto dei nuovi pirotecnici sostitutivi, i pirotecnici scaduti nella misura di un pezzo scaduto per ogni pezzo nuovo acquistato.

 

B) Al momento della ricezione di pirotecnici scaduti, il rivenditore deve compilare il modulo allegato al D.M. 101/2016, che è scaricabile QUI, oppure compilarlo direttamente on-line all’interno della propria area riservata portale del Co.Ge.Pir.

 

C) Il rivenditore per poter procedere al ritiro deve disporre di apposito contenitore omologato, che gli deve aver consegnato gratuitamente il proprio fornitore, assieme agli acquisti di pirotecnici nuovi.

 

D) Il rivenditore non deve mai detenere, se non diversamente autorizzato, una quantità di rifiuti pirotecnici superiore ai 10 kg di massa attiva, pari a circa 25 kg lordi. Al raggiungimento di tale soglia, deve aprire la richiesta di prelievo nella propria area del portale del Co.Ge.Pir.

 

E) Affinchè la richiesta di ritiro vada a buon fine, il rivenditore dovrà aver comprato a partire da gennaio 2018 un quantitativo di fuochi non inferiore al numero di quelli per cui chiede a Co.Ge.Pir. il prelievo per smaltimento, e dovrà aver correttamente caricato i modelli di conferimento per ogni singolo conteritore.

 

F) Il ritiro avverrà, immediatamente dopo la trasmissione della richiesta di ritiro, a mezzo di trasportatore autorizzato, con rilascio di apposito Formulario FIR, e trasporto in ADR fino alla termodistruzione. Tale servizio è SEMPRE completamente gratuito. Eventuali richieste di denaro da parte di chicchessia vanno segnalate al Co.Ge.Pir. attraverso il modulo “contatti“.

 

G) All’interno della propria area riservata il rivenditore / punto di raccolta (PdR) ha una guida all’uso del sistema informatico (menu “HELP” in alto a destra) – Per comodità è possibile scaricare quella stessa mini guida cliccando QUI.

AIUTO

A) Il detentore (utilizzatore finale) può conferire, restituendoli al punto vendita al momento dell’acquisto dei nuovi pirotecnici sostitutivi, i pirotecnici scaduti nella misura di un pezzo scaduto per ogni pezzo nuovo acquistato.

B) Al momento della ricezione di pirotecnici scaduti, il rivenditore deve compilare il modulo allegato al D.M. 101/2016, che è scaricabile QUI, oppure compilarlo direttamente on-line all’interno della propria area riservata portale del Co.Ge.Pir.

C) Il rivenditore per poter procedere al ritiro deve disporre di apposito contenitore omologato, che gli deve aver consegnato gratuitamente il proprio fornitore, assieme agli acquisti di pirotecnici nuovi.

D) Il rivenditore non deve mai detenere, se non diversamente autorizzato, una quantità di rifiuti pirotecnici superiore ai 10 kg di massa attiva, pari a circa 25 kg lordi. Al raggiungimento di tale soglia, deve aprire la richiesta di prelievo nella propria area del portale del Co.Ge.Pir.

E) Affinchè la richiesta di ritiro vada a buon fine, il rivenditore dovrà aver comprato a partire da gennaio 2018 un quantitativo di fuochi non inferiore al numero di quelli per cui chiede a Co.Ge.Pir. il prelievo per smaltimento, e dovrà aver correttamente caricato i modelli di conferimento per ogni singolo conteritore.

F) Il ritiro avverrà, immediatamente dopo la trasmissione della richiesta di ritiro, a mezzo di trasportatore autorizzato, con rilascio di apposito Formulario FIR, e trasporto in ADR fino alla termodistruzione. Tale servizio è SEMPRE completamente gratuito. Eventuali richieste di denaro da parte di chicchessia vanno segnalate al Co.Ge.Pir. attraverso il modulo “contatti“.

 

G) All’interno della propria area riservata il rivenditore / punto di raccolta (PdR) ha una guida all’uso del sistema informatico (menu “HELP” in alto a destra) – Per comodità è possibile scaricare quella stessa mini guida cliccando QUI.